Home » Frequent Flyer » Biglietti premio e supplemento carburante

Biglietti premio e supplemento carburante

Nei giorni scorsi ho avuto uno scambio di mail con un lettore del sito, il quale si lamentava di aver riscosso un biglietto premio con una compagnia aerea “rimettendoci” dei soldi.

I meno esperti di voi probabilmente si staranno chiedendo… ma se era un biglietto premio…. cosa ha dovuto pagare?

La risposta è purtroppo semplice. I biglietti premio non sono completamente gratuiti, moltissime compagnie aeree permettono infatti di usare le miglia solo per “pagare” il costo del biglietto tasse escluse, tasse nelle è quasi sempre inclusa la voce “supplemento carburante“.

Ma cos’è la voce supplemento carburante? In realtà, a differenza di quanto ci si aspetterebbe, la voce ha poco a che fare con il costo del carburante, e per una spiegazione di cosa sia effettivamente vi rimando a due articoli  uno di ViewFromTheWing e l’altro di Fammivolare.

I due articoli sono del 2013, quindi una volta capita la teoria verificate qual’è attualmente la politica delle compagnie aeree che vi interessano.

La voce “tasse”,  se avete mai guardato attentamente le varie voci che compongono il costo di un biglietto aereo ve ne sarete resi conto, è purtroppo molto alta. A volte superiore anche al 50% dell’intero costo del biglietto, per cui, è comunque importante, soprattutto quando si decide a quale programma frequent flyer iscriversi sapere che politica applica la compagnia stessa.

E’ importante anche valutare di volta in volta il costo del biglietto premio che volete richiedere. In determinati casi infatti, soprattutto per tragitti brevi in economy, il rischio è di trovare una tariffa scontata (a pagamento) il cui costo è inferiore o praticamente uguale a quello che sarebbe il costo delle tasse da pagare su un biglietto premio (sempre in economy), rendendo quindi inutile l’uso delle miglia.

Questo è anche uno dei motivi, se non il principale, per cui, molti sconsigliano di usare le miglia per richiedere biglietti in economy sul corto raggio, a meno che non ne abbiate da buttare, puntando invece ad accumularne a sufficienza per un biglietto in business o almeno per voli a lungo raggio.

ultima modifica: 2017-03-08T14:43:03+00:00
di FFItalia

Lo staff di Frequent Flyer Italia