Cosa sono i programmi “Frequent Flyer”?

Un programma frequent flyer è un servizio offerto dalle compagnie aeree per premiare e fidelizzare i propri clienti offrendo loro premi/benefici di vario tipo in base ai punti/miglia ottenuti. L’iscrizione al programma è praticamente sempre gratuita e può essere fatta on line sul sito della singola compagnia aerea.

 

Come si ottengono le miglia?

Ci sono vari modi per ottenere le miglia (ossia i punti):

  • volando: il modo “normale” consiste nel volare con la compagnia aerea (o le compagnie partner di cui parleremo dopo) pagando il biglietto aereo. I programmi frequent flyer sono stati creati dalle compagnie aeree con questa semplice idea: più voli, più miglia (punti) guadagni. E’ il sistema principale, per cui merita un approfondimento, approfondimento che trovate nella prossima sezione.
  • acquistando altri servizi tramite il portale della compagnia aerea: è un’opzione che pochi utilizzano, ma tramite il sito web della compagnia aerea spesso è possibile prenotare anche hotel o macchine a noleggio, e questo contribuisce all’accumulo delle miglia.
  • conversione punti dai programmi di altri partner: solitamente è possibile trasferire “punti” di catene alberghiere, noleggi auto, utilizzo carte di credito, compagnie telefoniche, etc. Ogni compagnia ha le sue regole (quantità minima, rapporto di conversione etc) e i suoi partner che variano nel tempo, per questo bisogna sempre controllare i dettagli del singolo programma
  • bonus una tantum: spesso le compagnie aeree offrono dei “bonus”, ad esempio quando ci si iscrive al programma (e si effettua un volo) solitamente la compagnia aerea regala 2-3.000 miglia, oppure quando si attivano servizi di altri partner (vedi ad esempio carte di credito)
  • acquistando le miglia: è anche possibile pagare per ottenere miglia. Questo di solito è il metodo meno usato, sia perchè solitamente è quello meno vantaggioso da un punto di vista rapporto costo/miglia, sia perchè  spesso c’è un limite alla percentuale di miglia acquistate che si possono utilizzare. Diciamo che può andare bene se mancano 2-3.000 miglia per ottenere il premio che interessa.

Naturalmente ci sono poi anche altri modi per ottenere miglia gratis, fra cui il migliore credo sia l’utilizzo di una carta di credito.

 

Ottenere miglia volando

Abbiamo appena visto che il modo preferito, almeno dalle compagnie aeree, per ottenere miglia sul programma frequent flyer è quello di volare con la compagnia stessa, o con le compagnie partner, pagando il biglietto aereo.

Per molto tempo, il parametro base che era preso in considerazione dalle compagnie aeree, per calcolare il numero di miglia premio ottenuto è stata la distanza percorsa.

Più un volo è lungo più miglia si ottengono. Questo naturalmente a parità di classe di volo.

Oltre alla distanza di volo si tiene conto anche della classe di volo. In classe business ad esempio si può guadagnare anche il 200% delle miglia volate, mentre alcune tariffe base permettono di accumulare solo il 50% o anche meno.

L’altro parametro che viene di solito preso in considerazione è lo status del cliente. Lo status, ossia il livello che una persona ha all’interno del programma, livelli di cui parleremo dopo, da infatti la possibilità di ottenere ulteriori miglia bonus. Naturalmente se avete status “elevati”.

Da notare che negli ultimi anni molte compagnie hanno, almeno in parte “semplificato” il sistema, legando le miglia guadagnate al costo del biglietto, quindi “semplicemente” si ottengono x miglia per ogni euro speso in voli.

In realtà il sistema è stato “semplificato” per modo di dire. Infatti la maggior parte delle compagnie che sta passando a questo sistema ha ancora una situazione mista. Le miglia volate con loro sono conteggiate in base a quanto è stato speso, le miglia con i partner vengono invece ancora calcolate in base alla distanza e agli altri parametri visti precedentemente.

Ultima cosa che mi preme precisare, per quanto riguarda il numero di miglia che si possono ottenere volando è il discorso relativo alle alleanze.

E’ vero che, se siete iscritti, ad esempio al programma Millemiglia di Alitalia potete ottenere miglia volando con tutti i partner, ma non è detto che le miglia ottenute siano sempre uguali colando con Alitalia o con gli altri partner, così come non sono uguali se sempre per un volo, ad esempio con Airfrance accreditate le miglia sul programma della compagnia francese o su Delta o su Alitalia.

Per un esempio pratico vi rimando all’articolo “su quale programma accreditare le miglia“.

Vi ricordo comunque che ogni programma frequent flyer ha un suo proprio regolamento e le tabelle in cui vengono spiegati i sistemi di accumulo miglia con la compagnia stessa e con i partner. Vale la pena perdere qualche minuto e studiarseli.

 

A cosa servono le miglia: I PREMI

Le miglia guadagnate con i programmi frequent flyer possono essere “spese” in vario modo:

  • biglietto premio: di solito si parte da circa 10-15.000 miglia a tratta (il costo dipende dal tipo di tratta nazionale/europea/intercontinentale, dal periodo, dalla compagnia aerea con cui si fa…), a cui vanno aggiunte le tasse e supplementi vari (quasi mai pagabili in miglia), si possono richiedere voli premio sia con la compagnia aerea del programma a cui si è iscritti, sia con le compagnie aeree partner, in questo secondo caso spesso le miglia richieste sono maggiori. Quasi tutte le compagnie aeree permettono tramite il loro sito internet di verificare la disponibilità e i “costi” in miglia più eventuali spese per un volo premio selezionando il campo apposito in fase di ricerca dei voli.
  • upgrade di classe: pagare un volo in economy ma volare in business può essere molto comodo, soprattutto su voli intercontinentali. Attenzione però non tutte le tariffe danno diritto all’upgrade, ancora una volta leggete bene il regolamento del singolo programma a cui vi siete iscritti, visto che ogni compagnia applica una politica propria. Purtroppo molte compagnie aeree non permettono l’upgrade con le miglia tramite il loro sito web, molto spesso si deve contattare il rispettivo call center e richiedere l’upgrade, ma solo dopo aver acquistato il biglietto, con il rischio di scoprire che non ci sono posti per l’upgrade o che la classe “pagata” non da diritto all’upgrade, per cui leggete attentamente le note dei singoli programmi. Alcune invece, permettono di fare tutto on-line, per cui sapete subito se è possibile e quanto costa l’upgrade.
  • altri premi: tramite le miglia si possono ottenere anche altri premi, oggetti di elettronica, abbonamenti a riviste etc, ma spesso se fate un calcolo del “valore” delle miglia richieste scoprirete che costa meno comperare lo stesso oggetto nel negozio sotto casa.

 

La scadenza delle miglia

Come molte “raccolte punti” anche i programmi frequent flyer hanno solitamente una scadenza.

Sostanzialmente si possono avere tre tipi di scadenza:

  • formale“: la raccolta miglia rimane valida, nel senso che le miglia non scadono, cambiano solo i premi o il numero di miglia richieste per determinati premi etc, ma in ogni caso le miglia accumulate e non utilizzate vengono automaticamente portate nel nuovo programma. Come ad esempio Delta Airlines e il suo programma SkyMiles.
  •  “definitiva“: le miglia non utilizzate scadono e non possono essere portate nel nuovo programma, anche qui salvo eccezioni od offerte dell’ultimo momento. Alitalia ad esempio per il programma MilleMiglia (2008-2012) scaduto a dicembre 2012 ha permesso di utilizzare le miglia raccolte in quell’edizione fino a giugno 2013 (solo per richiedere biglietti premio/upgrade) oppure di portare metà delle miglia nel programma 2013-2015 a patto di effettuare 4 voli (singole tratte) con Alitalia o AirOne nel periodo compreso tra il 18 aprile 2013 e il 30 giugno 2013.
  • a tempo“: le miglia vengono cancellate se almeno ogni x mesi non viene effettuato un volo con la compagnia, o qualche altra attività con i partner, è questo ad esempio il caso dei programmi di British Airways, Iberia o AirFrance/KLM.

Una precisazione, visto che ho parlato del programma Fyling Blue di AirFrance/KLM. Sul programma Fyling Blue le miglia scadono se, almeno ogni 2 anni non vengono effettuati voli con la compagnia aerea o le compagnie partner. Se invece, sempre nei due anni, viene fatta un’attività con altri partner (non aerei) vengono mantenute attive le miglia ottenute tramite questa tipologia di partner, ma si perdono le miglia ottenute volando.

Per quanto riguarda la scadenza “definitiva” delle miglia invece ho parlato di Alitalia. Non prendetevela troppo con la “nostra” compagnia, in realtà non è l’unica che fa scadere le miglia con date certe. Ci sono anche altre compagnie che fanno scadere le miglia, se non le usate, entro un certo periodo da quando sono state guadagnate, fra queste ad esempio ci sono Lufthansa (se non avete la loro carta di credito o non avete qualche status) o Emirates (se non avete qualche status).

La differenza eventualmente è che Alitalia non prevede, di solito, trattamenti particolari neppure per i clienti migliori (con status alti) e che, soprattutto negli ultimi anni, ha sempre avuto una gestione di “proroghe” o comunque di gestione “all’ultimo momento” delle scadenze dei programmi, arrivando magari ai primi giorni di dicembre dell’anno in cui sta scadendo il programma senza aver dato nessuna informazione su cosa avverrà l’anno successivo.

Ancora una volta quindi vi consiglio di leggere attentamente il regolamento del singolo programma Frequent Flyer a cui pensate di iscrivervi, per non vanificare tutto il lavoro di “raccolta”.

 

Cosa sono i livelli dei programmi  Frequent Flyer

I  programmi frequent flyer al loro interno sono divisi in più livelli, solitamente 3, chiamati silver, gold, platinum, o denominazioni simili.

Naturalmente maggiore è il livello, o status raggiunto all’interno del programma maggiori sono i vantaggi a cui si ha diritto. I vantaggi possono essere i più diversi, upgrade gratuiti, accesso alle louge, bonus sulle miglia guadagnate, biglietti “companion”, etc.

I livelli elite sono “validi” solo per VERI frequent flyer perchè:

  • per passare da un livello a quello successivo vengono conteggiate solo le “miglia qualificanti” o “i segmenti qualificanti”, dove per “qualificanti” in buona sostanza si intende VOLATE, per capirci se convertite 1.000.000.000 di punti dal programma di un qualsiasi partner a quello della compagnia aerea avrete diritto ad utilizzare le miglia ottenute per i premi del programma, ma rimarrete sempre al livello base (o quello che avete effettivamente raggiunto volando)
  • hanno solitamente valenza annuale: ogni anno per mantenere lo status dovete volare un tot di miglia o effettuare un tot di voli

Ogni regola però ha la sua eccezione. Molte compagnie aeree riconoscono infatti un qualche livello elite automaticamente o con poche miglia volate anche se sottoscrivete la loro carta di credito platino (o denominazioni simili).

E’ questo ad esempio il caso di Alitalia con le carte di credito American Express AZ Platino o Gold.

Come vi ho detto ogni programma ha i propri livelli elite, con vantaggi e requisiti per ottenere/mantenere  il livello diversi.

Potete trovare maggiori informazioni nei singoli articoli dedicati ai programmi MilleMiglia di Alitalia, Skymiles di Delta, Miles & More di Lufthansa o Flyingblue di AirFrance/KLM, per tutti gli altri programmi vi rimando invece alle pagine ufficiali della vostra compagnia aerea  preferita.

 

Considerazioni finali

Ricordatevi inoltre di fare attenzione prima di convertire punti di altri programmi in miglia aeree accertatevi di poter usare in qualche modo tali miglia.

Ogni compagnia aerea accetta il trasferimento di punti da una ampia serie di raccolte punti dei partner, ma è un’operazione a senso unico, una volta depositate sul conto del programma frequent flyer  non saranno più trasferibili da nessun’altra parte, dovranno essere utilizzate in uno dei modi permessi dal programma, ma non si potranno più spostare/convertire su altri programmi.

Se siete ancora indecisi su quale programma frequent flyer scegliere vi consiglio di leggere l’articolo “Quale programma Frequent Flyer scegliere“, nel quale ho elencato tutti i fattori da valutare per scegliere il programma adatto per voi.

Vi consiglio di leggere anche l’articolo relativo alle alleanze. Sapere cosa sono, come funziona e quale compagnia fa parte di quale alleanza è fondamentale per poter sfruttare al meglio il vostro programma preferito.

 

NOTA

L’articolo è stato rivisto e aggiornato nel 2019, ma è stato originariamente scritto nel 2013, per questo alcuni esempio sono “datati”, ma sono comunque validi come esempi per capire le cose di cui si parla.

 

Giudica l'articolo
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (5 votes, average: 4,80 out of 5)


Loading...
Potrebbe interessarti anche:
Promozioni voli Alitalia autunno-inverno 2017

Promozioni voli Alitalia autunno-inverno 2017

Ho appena ricevuto la newsletter Alitalia con le nuove interessanti promozioni per voli Alitalia valida in tutte le classi  di... Leggi
Iberia: voli premio utilizzando gli Avios

Iberia: voli premio utilizzando gli Avios

Nei miei programmi non era previsto, però probabilmente a fine mese, sfruttando il ponte del primo novembre ci prenderemo alcuni... Leggi
American Airlines: miglia gratis e un concorso per festeggiare i 35 anni del programma AAdvantage

American Airlines: miglia gratis e un concorso per festeggiare i 35 anni del programma AAdvantage

Per festeggiare il 35 anniversario del programma AAdvantage American Airlines ha indetto un concorso, aperto purtroppo solo ai clienti residenti in... Leggi
Nuova partnership Flying Blue e Accor per accumulare miglia e punti contemporaneamente

Nuova partnership Flying Blue e Accor per accumulare miglia e punti contemporaneamente

Da alcuni giorni sui siti internet dedicati ai programmi frequent flyer gira un’interessante notizia. Air France/Klm e Accor hanno stretto... Leggi

Autore:

FFItalia

Lo staff di Frequent Flyer Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *